I GIUDIZI DELLA CRITICA:

“Anche se il pianista non lo lascia trasparire, il suo modo di suonare richiama ad ogni battuta la famosa frase di Chopin: Il pianoforte è il mio secondo io”